domenica 22 luglio 2012

letture fantastiche e non marginali

Un breve post per consigliare un'antologia di racconti pubblicata in e-book da una delle mie autrici preferite, Consolata Lanza. Della sua narrativa – romanzi e racconti – mi sono occupata spesso e molto volentieri, sia come co-curatrice di Alia e di Fata Morgana (due collane edite da CS-libri dove sono comparsi diversi suoi racconti) sia come interlocutrice di Consolata durante alcune presentazioni dei suoi libri. 
È anche capitato, ed è stato interessante e piacevole, che fosse lei a presentare un mio scritto e lo ricordo qui solo per dimostrare che abbiamo avuto molte occasioni per chiacchierare di scrittura, anche in pubblico, esperienze arricchenti e diverenti grazie all'umorismo e alla passione di Consolata, al suo punto di vista non convenzionale.
Nel suo post, l'autrice spiega molto meglio di quanto saprei fare io i contenuti dell'antologia,  io voglio solo aggiungere che trovo il titolo particolarmente felice: Racconti fantastici e dal margine promette (e mantiene) di frequentare i tanti territori del fantastico, talvolta contigui a quelli dove viviamo ogni giorno, talvolta lontanissimi e numinosi (il termine non è scelto a caso);  è proprio ai margini della visione che il tessuto della realtà è più lasso e lascia intravvedere l'Oltre. 
Qualcuno di questi racconti mi ha divertito molto, altri mi hanno offerto grandi suggestioni, uno (lascio a voi di individuarlo) mi ha davvero fatto paura e uno, forse il mio preferito (forse soltanto perché altri candidati lo tallonano da vicino), mi è costato più o meno un chilometro a piedi: leggendolo in autobus, ero talmente immersa nella sua atmosfera che ho saltato bellamente la fermata di casa mia. Anche dopo essere scesa, comunque, ho continuato a leggere, alzando ogni tanto gli occhi dalle pagine per evitare pali e inciampi del marciapiedi.

1 commento:

consolata ha detto...

Smack! per tutto e per ogni parola. Grazie,
Ci sentiamo più in là.